CORSI IT -EN
HOMESTUDIO REFERENZECONTATTI
 
ORIGINE DELLA MERCE


ORIGINE NON PREFERENZIALE DELLE MERCI
L'origine non preferenziale delle merci è il luogo di produzione del bene ovvero, se la produzione del bene ha coinvolto più paesi, il luogo dove tale bene ha subito l'ultima sostanziale trasformazione (come previsto dall'articolo 24 del codice doganale comunitario, regolamento 2913/92).

Dal punto di vista dei consumatori l'origine non preferenziale determina il "Made In" del prodotto, dal punto di vista delle aziende l'origine non preferenziale è collegata a tutte le misure all'importazione dei prodotti (divieti, contingenti, massimali, dazi antidumping e compensativi, etichettatura di origine) e si concretizza, a livello documentale, nel Certificato di Origine rilasciato dalla Camera di Commercio.
 
Articolo 24 (codice doganale comunitario) Una merce alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi è originaria del paese in cui è avvenuta l'ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata in un'impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione.
 

ORIGINE PREFERENZIALE DELLE MERCI
L'origine preferenziale delle merci è invece quella particolare condizione delle merci che, se soddisfatta, permette alle stesse di beneficiare delle riduzioni o esenzioni daziarie previste nel quadro degli accordi di libero scambio siglati dall'Unione Europea con alcuni paesi terzi, detti paesi "accordisti". Tale trattamento preferenziale (riduzione/esenzione daziaria) è previsto all'atto dell'introduzione della merce di origine preferenziale comunitaria nel territorio doganale del paese terzo accordista e all'atto dell'introduzione di merce di origine preferenziale del paese accordista nel territorio doganale comunitario.

Le regole che le merci devono rispettare, al fine di poter usufruire dei benefici sopra indicati, variano in funzione delle singole voci doganali dei prodotti ed in funzione dei singoli accordi siglati dalla UE con i vari Paesi accordisti e possono essere diverse da quelle previste dal Codice doganale Comunitario in merito all’origine non preferenziale.

 
Articolo 27 (codice doganale comunitario) Le regole relative all'origine preferenziale determinano le condizioni di acquisizione dell'origine che le merci devono soddisfare per beneficiare delle misure di cui all'articolo 20, paragrafo 3, lettera d) o e). Tali regole sono stabilite: a) per le merci figuranti negli accordi di cui all'articolo 20, paragrafo 3, lettera d), nell'ambito di tali accordi; b) per le merci che beneficiano delle misure tariffarie preferenziali di cui all'articolo 20, paragrafo 3, lettera e), secondo la procedura del comitato.

Articolo 20, paragrafo 3, lettere d, e d) le misure tariffarie preferenziali contenute in accordi che la Comunità ha concluso con taluni paesi o gruppi di paesi e che prevedono la concessione di un trattamento tariffario preferenziale; e) le misure tariffarie preferenziali adottate unilateralmente dalla Comunità a favore di taluni paesi, gruppi di paesi o territori
 
REGISTRATI
PER I SEGUENTI SERVIZI
PONI UN QUESITO
-
NEWS & NOTIZIARIO
-
CORSI E SEMINARI
-






         
 
HOMESTUDIOSETTORIREFERENZECONTATTI